giovedì 31 marzo 2011

Unconventional wedding dresses

Outside the box, far away from both opulence and minimalism. Out of time, sink into layers of past ages or anticipate dazzling futures. Open to any kind of alien beauty.

Cortana: echoes of ancient cottons from Greek statue, in the vague and thickly pleated fabric. The knot  tighted carelessly on the side, contrasts with the line on the back and shoulder that reveals the  structure of an impeccable tailoring.

Nihil Obstat: lace that thickens and thins to reveal transparencies and textures that range from heavy to light. A 60's bodice that dissolves into nineteenth century's ruffles. Without contradictions.

Maria Lluisa Rabell: Playing happily in the trunks of the great-grandmother. The innocent flavor of vintage lingerie that is shown escaping from the rigidity of corsets and the heavy fabrics that were supposed to cover it, reproposed in an absolutely contemporary balance of proportions.

Atelier Versace: sleek and geometric lines draw the body in contrast with the softness of fabric left free to dance. An Indian bride that cames from the future.

Fuori dagli schemi, lontani sia dall'opulenza ad ogni costo sia dal minimalismo ostentato e pretenzioso. Fuori dal tempo, sprofondano in strati di epoche passate o anticipano futuri abbacinanti. Aperti ai canoni di bellezze aliene.

Cortana: echi di antichi cotoni da statua greca, nel tessuto impalpabile e fittamente plissettato. Il nodo stretto con noncuranza sul fianco, contrasta con la linea della scollatura sulla schiena e delle spalline che rivelano invece una struttura sartoriale impeccabile.

Nihil Obstat: pizzo che si addensa e si dirada a svelare trasparenze e consistenze che vanno dal rigido al leggerissimo. Un corpetto anni 60 che si dissolve in balze ottocentesche. Senza contraddizione.

Maria Lluisa Rabell: Giocando felicemente nei bauli della bisnonna. Il sapore innocente della biancheria di altri tempi che si mostra sfuggendo alla rigidezza dei bustini e delle stoffe pesanti che avrebbero dovuto ricoprirla, riproposta in un equilibrio di proporzioni assolutamente contemporanee.

Atelier Versace: linee lucide e geometriche che disegnano il corpo in contrasto con la morbidezza del tessuto lasciato libero di danzare. Una sposa indiana venuta dal futuro.



PUBBLICATO DA: nagajna

COMMENTI: Commenti (2)

Tags: DRESSING ROOM - , , , , , ,





  Country flag


  • Commento
  • Anteprima
Loading



Commenti

sabato 02 aprile 2011

Not so unconventional, anyway so elegant ;)

Mairi Italia

domenica 03 aprile 2011

Davvero? Io trovo che materiali, lavorazioni e proporzioni di questi abiti non siano così comuni... Farò del mio meglio per stupirti la prossima volta!

nagajna Italia

Scroll to Top

BlogEngine.NET 2.0.0.36
Graphic design: nagajna - mia

Questo Blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.